«Mi non sei». Voci dai processi per stregoneria in Valposchiavo
Coira, Kanti Plessur, aula C101, venerdì 27 ottobre, ore 20.00

minonseiLa compagnia teatrale inauDita presenta il suo nuovo spettacolo Mi non sei, che racconta una storia comune a molti dei processi per stregoneria, basandosi sui 128 verbali conservati a Poschiavo.

Mi non sei (io non so) è una frase ricorrente nelle trascrizioni dei processi per stregoneria avvenuti fra il XVII e il XVIII secolo a Poschiavo. Gli anni più bui dell’inquisizione in Valposchiavo (1671-1673) videro il 6% della popolazione femminile imputata per tali reati.

Nell’archivio del Comune di Poschiavo sono conservati ben 128 verbali di processi per stregoneria, da cui nasce il testo dello spettacolo, omaggio alle vittime e implicita denuncia dei carnefici, che racconta una storia comune a molti dei processi per stregoneria, una storia di diffidenza, superstizione e confessioni estorte sotto tortura. Si assisterà ad un processo che rimanda, nei suoi passaggi, ai tanti avvenuti in Casa Torre.
La decisione di affrontare questo tema nasce da una riflessione sulle conseguenze dei meccanismi di condanna che la società attua, anche oggi, nei confronti del diverso.

La compagnia teatrale inauDita è stata fondata da Chiara Balsarini e Begoña Feijoó Fariña nell’ottobre del 2015 a Brusio. Concentra la sua ricerca e produzione artistica attorno a tematiche legate al territorio. Nel 2016 la compagnia ha debuttato con Circondario Confinante. Memorie del contrabbando, contrabbando di memorie. Collabora con le scuole di Brusio e di Poschiavo e con la Biblioteca comunale di Brusio.

Locandina

Per ulteriori informazioni: info@pgi.ch / 081 252 86 16

 

Calendario eventi

grigionitaliano.ch