Fiabe grigionitaliane con Ferruccio Cainero
Coira, Postremise (Engadinstrasse 43), sabato 23 settembre 2017, ore 11.00
Cainero-web

Nel contesto del festival di narrazione Alpen Sagen Märchentage che si terrà nella capitale retica tra il 22 e il 24 settembre la Pgi ha tenuto in particolar modo ad assicurare la presenza della lingua italiana e della cultura popolare del Grigionitaliano.

 

«La leggenda siamo noi»: un avventuroso viaggio di andata e ritorno tra realtà e fantasia, tra memoria collettiva e soggettiva.

Qualche anno fa la Pgi si era impegnata nella pubblicazione del volume Tre ore a andare, tre ore a stare, tre ore a tornare, che contiene e commenta oltre duecento fiabe, leggende e aneddoti provenienti – in buona parte per mezzo della tradizione orale – dalle diverse regioni del Grigionitaliano, dalla Calanca alla Valposchiavo.

Sabato 23 settembre, alle ore 11.00 presso la Postremise di Coira alcune di queste fiabe e leggende saranno messe in scena grazie all’estro di Ferruccio Cainero – narratore, autore e regista apprezzato in Svizzera e in Europa – e alle letture di Michael Schwarzenbach.

Ferruccio Cainero, nato a Udine nel 1953, ha iniziato la sua carriera artistica alla fine degli anni ’70, come clown e artista di strada, in coppia con Giovanni De Lucia, nello storico duo Teatro Ingenuo. Per otto anni ha collaborato con il Teatro CRT di Milano, allora frequentato da maestri del calibro di Eugenio Barba, Tadeusz Kantor, Bolek Polivka, ecc. Dopo vent’anni di carriera, all’improvviso s’è tolto la maschera del pagliaccio, iniziando a narrare di sé stesso, della sua vita, della sua famiglia, della sua terra, «con una passione capace di trasformare i fatti della vita quotidiana in meravigliose epopee surreali, esilaranti, tragiche e graffianti, che donano all’ascoltatore inaspettate e folgoranti chiavi di lettura di questo nostro tempo». Trasferitosi nel Canton Ticino alla metà degli anni ’80, Cainero presta la sua opera come autore e regista per grandi e piccoli teatri in Germania, Svizzera, Italia e Spagna. Nell’ultimo trentennio ha scritto e messo in scena più di quaranta spettacoli teatrali, che hanno spesso fatto il giro di tutto il mondo. Come autore e regista ha, tra le altre cose, creato i primi tre spettacoli della celebre clown svizzera Gardi Hutter.

Michael Schwarzenbach, nato e cresciuto in Ticino, è stato assistente alla cattedra di Letteratura italiana dell’Università di Zurigo e ha collaborato alla pubblicazione del volume Tre ore a andare, tre ore a stare, tre ore a tornare (a cura di L. Rubini Messerli, Collana letteraria Pgi 2013). Ha collaborato anche con l’Archivio fonografico dell’Università di Zurigo e contribuito insieme a Camilla Bernadasci al volume Stòri, starlüsc e stremizzi recentemente pubblicato nel «Bollettico storico della Svizzera italiana».

Locandina

 

 

 

 

Calendario eventi

grigionitaliano.ch