La direttrice dell'UFC Isabelle Chassot in visita a Coira
Lunedì 30 marzo 2015

Chassot

Su invito della Pro Grigioni Italiano, la direttrice dell’Ufficio federale della cultura Isabelle Chassot ha fatto visita alla capitale retica per una serie di incontri con i rappresentanti della Pgi e del Dipartimento dell’educazione, della cultura e dell’ambiente.

 

Nel corso della mattina, la direttrice Chassot ha fatto visita alla Scuola cantonale grigione dove, dopo il saluto dell’on. Martin Jäger e della direzione dell’istituto, ha potuto assistere a una lezione della Scolina rumantscha e una lezione di biologia tenuta in italiano per una classe bilingue delle scuole superiori. Al programma mattutino hanno anche partecipato l’on. Manuele Bertoli e il dr. Diego Erba, rispettivamente presidente e coordinatore del Forum per l’italiano in Svizzera, nonché la municipale Doris Caviezel-Hidber, responsabile cittadina per l’istruzione. Nel corso della mattina a Coira gli invitati hanno dunque potuto seguire con un breve assaggio l’inizio e la fine di un percorso scolastico bilingue.
Nel pomeriggio, prima del colloquio conclusivo con i responsabili cantonali dell’educazione e della cultura, è seguito l’incontro tra la delegazione dell’UFC e i rappresentanti della Pro Grigioni Italiano capitanati dalla presidente Paola Gianoli, che ha permesso di discutere dal vivo alcune delle più urgenti questioni che interessano la comunità di lingua italiana nei Grigioni, quali l’iniziativa popolare che chiede l’abolizione dell’insegnamento dell’italiano nelle scuole elementari del Grigioni tedescofono e la promozione dell’informazione in italiano che sarà oggetto di dibattito nella prossima sessione del Gran Consiglio retico.
La visita di Isabelle Chassot cade a poche settimane di distanza dal voto favorevole del Consiglio degli Stati riguardo al Messaggio sulla cultura 2016-2020, che include diverse positive novità a sostegno della «coesione sociale» tra le comunità linguistiche del Paese e in particolare a favore del rafforzamento della lingua italiana. Tra le misure contemplate dal Messaggio sulla cultura vi è peraltro un accresciuto supporto alla formazione bilingue quale mezzo per la promozione della lingua di Dante al di fuori della Svizzera italiana, obiettivo per il quale la Pgi ha con lungimiranza tenacemente combattuto. Non bisogna infine dimenticare che nella stesso Messaggio il Consiglio federale ha confermato la possibilità di un intervento a livello nazionale per sancire il principio dell’insegnamento di una seconda lingua nazionale già a partire dalla scuola elementare qualora l’accordo tra i cantoni tedescofoni in merito al concordato HarmoS non dovesse riuscire entro la fine del 2015. Non da ultimo, come sopra ricordato, entro breve il Gran Consiglio retico sarà chiamato ad esprimersi sull’incarico Albertin per il sostegno all’informazione da e per i Grigioni di lingua italiana, sostegno che deve seguire alla disponibilità al cofinanziamento mostrata dal Consiglio federale nella risposta a un analogo atto parlamentare presentato dalla consigliera nazionale Semadeni.
La Pgi ringrazia il rettore della Scuola cantonale grigione dr. Gion Lechmann e il co-rettore Otmaro Lardi per la preziosa collaborazione nell’organizzazione della giornata.
Il Sodalizio ringrazia vivamente la direttrice Isabelle Chassot con i suoi collaboratori dr. David Vitali e Stéphanie Andrey per la visita a Coira, visita che conferma l’attenzione e l’impegno da lei portati in seno all’UFC fin dall’inizio del suo mandato a favore delle lingue nazionali minoritarie.

Per informazioni: Giuseppe Falbo, info@pgi.ch / 081 252 86 16.

 

 

Calendario eventi

grigionitaliano.ch